Siena Parcheggi
 
newsletter 
 

Riapre Il parcheggio “San Francesco”, adesso può ospitare 295 auto

Riapre Il parcheggio “San Francesco”, adesso può ospitare 295 auto
Lunedì 2 marzo il Parcheggio "San Francesco" di via Baldassarre Peruzzi torna in attività, nuove le pavimentazioni, le asfaltature, l’illuminazione e l’antincendio. Il Comune di Siena ha investito circa 608mila euro per riqualificare la struttura e renderla più sicura; quattro posti auto sono destinati ai diversamente abili
Riapre Il parcheggio “San Francesco”, adesso può ospitare 295 auto

 

Dopo importanti lavori di ristrutturazione, durati circa sei mesi, lunedì 2 marzo riapre il parcheggio San Francesco in via Baldassarre Peruzzi che adesso può contare su 295 posti auto (prima erano 277).

La struttura è completamente rinnovata, completamente rifatte le pavimentazioni, le impermeabilizzazioni, le asfaltature, l’illuminazione, la segnaletica. Nuovi sono anche gli impianti antincendio e i percorsi di sicurezza per i diversamente abili ai quali sono destinati quattro posti auto al piano superiore.

Si è trattato di un intervento di rifacimento importante che ha permesso di eliminare i problemi che si erano verificati negli ultimi anni, dovuti principalmente a problemi di smaltimento dell’acqua piovana che aveva provocato infiltrazioni nei solaio del piano terra, una presenza diffusa di lesioni e lievi dissesti strutturali.

Il Comune di Siena ha investito circa 608mila nell’opera che riconsegna alla cittadinanza un parcheggio in perfetta efficienza, più sicuro e ampliato nella capienza.

“Si tratta di un investimento significativo – dice il sindaco di Siena Bruno Valentini – che il Comune ha voluto fare per riportare questa struttura ad un livello di decoro e di sicurezza all’altezza della città e delle aspettative dei suoi ospiti. Siamo convinti che l’attesa sia stata ben ripagata e che i problemi del passato siano superati”.

Il parcheggio “San Francesco” fu realizzato per il Giubileo del 2000, ormai 15 anni fa. Inizialmente il suo utilizzo da parte della cittadinanza fu abbastanza limitato, trovandosi lontano dalle consuete direttrici per raggiungere il centro storico. La quasi contemporanea apertura dell’omonima scala mobile ha, invece, aperto una nuova via di accesso alla città, trasformando il parcheggio in un punto fondamentale del sistema della sosta cittadino. Prova ne sono il suo alto indice di occupazione e l’intenso utilizzo della risalita meccanizzata che ogni anno trasporta più di un milione di persone.

“Arriviamo a riconsegnare questa opera alla città – dice il presidente di Siena Parcheggi, Roberto Paolini – con circa un mese di ritardo rispetto ai tempi preventivati. Come dicemmo, però, all’inizio dei lavori molto dipendeva dall’andamento della stagione e ai giorni di pioggia che potevano rallentare le attività del cantiere. Il meteo non ci ha aiutato ma siamo riusciti, comunque, a contenere il ritardo in un tempo accettabile. Di questo devo ringraziare i tecnici del Comune di Siena, i miei collaboratori e la ditta che ha eseguito i lavori”.